Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

New Dreams - Trent’anne e matrimonio. Si, ma cheste è “Tutta ‘nata storia”

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 187 volte
alt di Donato Liotto - E che parlamme a fa, è tutta ‘nata storia, così diceva il grande Pino Daniele. Trent’anne e matrimonio, trent’anne e “carcere”, ja stamme pazzianne, però per alcuni il matrimonio questo è! Lo è quando mancano le cose principali, quanne manca nu bellu piatte e spaghetti che vongole, na lasagna a forno, na zuppe e cozze, e soprattutto quanne nun cè sta l’ammore! Ma, secondo voi, nu matrimonio felice comme avesse essere? Una domanda, questa, alla quale è difficile rispondere, difatti gìà ai tempi di Ulisse, l’eroe Omerico che con la scusa della guerra di Troia lasciò la moglie Penelope a casa da sola per quasi vent’anni. Mo va verenne si è state per colpa da guerra o per trovare ‘na scusa pe lassà a mugliera! Insomma, la storia ci insegna che avere un rapporto duraturo nunnè na cosa semplice, cierta gente se spose e puntualmente si separa appena o iuorne aroppe! La convivenza è soprattutto spartirsi in modo equo le sostanze materiali, accummincianne da cuperta. Che c’entra a cuperta mo? C’entra, c’entra, nientedimeno quanne è vierne, a matine e cinque, fore ci stanne 3 gradi e tu puntualmente staie senza a cuperta n’guolle, se le pigliate tutte essa! Pigliete e sord, pigliete a machina nova, ma a cuperte n’guolle chelle proprio no! Ecco, questa senza alcun ombra di dubbio è tra le cause principali che fanne sfascià e matrimoni! Però, trent’anni di matrimonio sono anche sinonimo di grande rodaggio, cioè per arrivare a vivere assieme e sotto lo stesso tetto per tutto questo tempo può significare solo una cosa: sinergia! Difatti, molti si illudono di comandare e di fare ciò che vogliono. Un esempio? “Cara domani vado a mare con gli amici. Sai, una rimpatriata”. – Lei: “Certo, però dobbiamo partire presto, per non ritrovarci nel traffico, avvise e cumpagne tuoie, se parte e cinque domani mattina”. “Certo cara!”. Avite viste, faccio sempe chelle che voglio io! Ecco, noi viviamo nell’illusione che a comandare simme nuie maschiette, invece a verità nude e crude sapite qual è? A casa mia io porte o cazone e mugliereme cumanne! Allora, scusate, me so sbagliate: nun è sinergia, è finta sinergia!


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito