Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

New Dreams - "QUANDO L'ALLUCE SI LAMENTO' COL POLLICE E SE LE DIEDERO DI SANTA RAGIONE!

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 3791 volte
alt di Donato Liotto - Tra le righe e, senza offesa alcuna, vogliamo solo inviare un messaggio, o una seria riflessione, magari, scherzandoci su come nostro solito a quanti trascurano la propria persona e, soprattutto, le mani e i piedi. Talvolta, basta davvero poco per salvaguardare la propria persona avendone cura con diligenza. Il nostro corpo è il bene più prezioso e va salvaguardato e questo, sempre, a prescindere tutto. Buona lettura.- CHIACCHIERE TRA DITA : Dicette l’alluce rivolto al pollice –“ Beato a te, che staie sempe fore,(fuori) respire aria fresca e tuocche e rituocche (toccare e ritoccare) mane, vise, e cienti (cento) ccose. Io, invece, sto sempe chiuse, sto sempe o scure, stamme stritte stritte (stretti altre dita dei piedi) uno n’guolle a nate (uno sopra e uno sotto) e, comme si nun abbastasse.. avimma pure fa chilometri, cammenamme (camminare) sempe e cheste, senza mai sapè dove andiamo. Sule a sera..finalmente, stu strunze (strunzo..colui che li usa in modo improprio) se leve e scarpe, sfile e calzini, o le calze, e nun te diche che puzza, e c’è fa respirà. A volte tenimme pure e calletielle, e che dulore..e tanti vvote,(volte) le unghie, crescono storte, trasene (entrano) rint a carne, so curtielle (coltelli) affilate, e te fanne verè e stelle. Usano scarpe con punte strette, tacchi alti e, senza crianze, sia femmene che ommene (uomini) nun tenene rispette e nuie. Na torture, pure per le caviglie, e a schiena ne soffre assaie. Beato a te, che si Pollice, e nun tiene tutti sti probleme. ” – O Pollice, dicette alt all’Alluce dopo averlo ascoltato con attenzione e rigoroso silenzio – “Azzo’, tu ti lamenti ma, di che ti lamenti fammi capire? Io sto sempe fore (fuori) è cheste, è vere ma, chenne saie e chelle che aggia suppurtà? Acchiappe e tocche (prendo maneggio) mille cose, matine e sere, stamme sempe a faticà, io, e sti quatte sciemi, (altre dita della mano) devi essere fortunato a capità cu na perzone che, per mestiere, o è notaio, o fa l’avvocato, e ti fa toccare solo penne e computer. Ma si avissa capità cu uno, che fa o sfascia carrozze, o carrozziere, o fabbre, o frarecatore, stanne certe, ti dico che, è meglio assai a essere Alluce dato che, nun vire e nun siente. Perzone che fanne sti mestiere, vanno certamente ammirate ma, sapisse comme è dure (duro) a suppurtà. Tuocche e rituocche ferri arrugginiti, seghe, martelli, chiodi, e rischi pure e nun turnà a casa. Po, te tenghe a ricere pure sta cosa cà, capite, e frequentemente, che io venghe infilate impropriamente rinte (dentro) e recchie,(orecchie) rinte o naso, e, qualche volta, e parlanne pe crianze, pure rinte o deretano! Mò m’aggià sfugà! Sapisse quanta perzone, e cà, nun conte o mestiere, se tirene e mutande e, quanta e chesti perzzone, nun ze lavane a semmane (settimane) intere. C’è vò nu stommache (stomaco) siente a me! A cosa grave sai qual è? Che sti zuzzuse, nun ze lavane mai le mani e, magari, dopo che ci infilano nel naso, ci infilano dentro a un piatto per prendere il cibo e, sempe nuie, glielo dobbiamo mettere nella bocca. Sapisse che schifo e, a cosa grave che, l’avimma fa per forza. Lasciamo perdere, io nun m’allamente, supporte e spere che, sti perzzone, che ci usano in modo così schifoso, e quelli che ci usano per mestieri pericolosi, facessero attenzione, pigliassere precauzione e, cheste, pure per loro lo dico visto che, gli serviamo. Cominciassero a usarci con rispetto e con cautela. E mò caro Alluce, dimme tu..meglio io, o meglio tu?”- Il dialogo, lo sfogo, chiamatelo come volete si è concluso, e mò, attenzione a mani e piedi..purtatele rispette!!


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito