Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

New Dreams - "Il vento della speranza"

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 2620 volte
alt di Donato Liotto - Per certe persone, pure un piccolo venticello potrebbe loro dare fastidio. Ad esempio: la signora appena uscita dal parrucchiere la quale eslcama- “ Che fastidio questo vento mi rovina tutta la messa in piega” –Oppure i bagnanti che sdraiati al sole dicono –“ Questo vento che fastidio, alza un sacco di sabbia” – Poi, invece ci sta chi aspetta un filo di vento speranzoso dato che, per loro, il vento, per loro è come un vecchio amico che passa a trovarli. Il vento entra attraverso una piccola finestra con grate di ferro e si immette nella cella, lui solo può entrare. Non bussa dato che sa di essere gradito proprio a chi dentro a quella cella di quel carcere sperduto, soffre un caldo indicibile . un filo di vento che parte da lontano e come se egli portasse “notizie fresche e nuove” e sembra voglia dire –“ Per ora, io posso fare solo una cosa, rinfrescare i vostri corpi sudati e accaldati ma, ricordatevi quando uscite da qui, e soprattutto, cercate di non tornarci più! Fuori vi aspettano oltre a me, tanti amici, soprattutto i vostri parenti. Loro vi vogliono bene e, hanno desiderio di vedervi fuori di qua.” – Una finestra, o un balcone di un’ospedale, c’è aria climatizzata all’interno ma,non produce lo stesso effetto, di quando in quelle stanze entra un vento fresco. Stanze dove tanta gente sta soffrendo e lotta per la vita. Il vento sembra voglia accarezzare i loro volti sofferenti, e proprio come la mano di un bambino si posa sui loro volti e li accarezza le mani. Questo da la sensazione di speranza e di infondere loro coraggio nonchè voglia di lottare. Un vento che anche in questo caso dice loro –“ Dai, devi resistere, devi combattere questo male, con te ora ci sono anche io e ti tengo compagnia” – Il vento rappresenta per tante persone davvero una speranza di vita nuova e, si sa, la speranza non deve mai morire! - alt ************LEGGETELO ANCHE IN "LINGUA NOSTRA" ************** A certi perzone pure nu file e viente pare che le da fastidio: A signora appena uscita dal parrucchiere esclama “Che fastidio sto vento mi rovina la messa in piega”- I Bagnanti sdraiati al sole –“ Questo vento è fastidioso alza un sacco di sabbia!” – Po’ invece, ci sta chi aspette nu file e viente e speranzuse, pe loro, nu file e viente è comme a nu viecchie amiche che passa le truvà e, appena isse, o viente, trase rint’è a cella attraverso chella fenestrelle che sbarre e fierre, isse sule po’ trasi, nun busse, sape che è gradite a chi, rinta a chella cella e carcere sperdute, soffre o calore, o sudore, pe nu caure che nun zè po’ suppurtà. Nu file e viente che, vene a luntane, porte notizie fresche e dice –“ Pe mò pozze fa na cosa sola; rinfrescare i vostri corpi accaldati e sudati ma, ricordatevi, quanne ascite nun turnnate chiù cà. Fore v’aspettene tanta gente, nun c’è stonghe sule io ma, pure tante amici e pariente che ve vonne bene. Loro comme a vuie, soffrono e ve vonne verè.”- Na feneste, o nu balcone e spidale, addò pure si c’è stà aria climatizzate, esse nun produce o stesse effetto e quanne o viente trase rinte e stanza e gente che, sta luttanne pe campà e, sta a suffrì. O viente l’accarezze o vise e, comme a na manella e nu criature e da curaggie, e le dice -“iamm..resiste, cumbatte sta malatia, c’è stonghe pure io a tenerte cumpagnia”- O viente pe cierti perzone è comme na speranze che non addà mai murì.


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito