Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

New Dreams: TRAPENARELLA, UN TESTO STORICO CANTATO DA PEPPE BARRA.

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 7453 volte
alt di Donato Liotto - Negli anni della mia infanzia sentivo spesso cantare da mia nonna o dal mio papà una canzone che, somigliava a un ritornello, quasi ripetitivo, parole strane, non facili da comprendere, un testo in napoletano “secco” davvero difficile da comprendere ma, diveniva comprensibile man mano che lo ascoltavi con attenzione. Alla fine della canzone si cantava accelerando le parole, era un crescendo scusate il parogone ma, per rendere meglio l'idea somigliava al "Bolerò" di Ravel. Come se si corresse su di un treno senza fermate! Una musica dolce si fondeva con le parole da una fisarmonica. Nessun effetto speciale o elettronico. Roba semplice. La canzone scritta nel lontano 1957 da questi due signori "L. Cioffi, G. Cioffi ". Credo e penso fossero fratelli . In ogni caso, ho voluto fare una ricerca e di seguito ve la ripropongo. Le parti “difficili e incomprensibili” in napoletano sono tradotte, questo vi consentirà di capire bene che, a distanza di tantissimi anni, gli autori di questo testo avevano visto giusto. Avevano previsto cose che, evidentemente, accadevano allora e che, accadono puntualmente anche ai giorni nostri. La musica fatela voi. Basta che recitate il testo e dite: “Zumpa..zumpa..zumpa..!” Ma forse è meglio, dopo aver letto tutto che, fate un “copia e incolla” del link che segue: http://www.youtube.com/watch?v=cf6dOWfb9TI Ascolterete dalla bellissima voce di Peppe Barra l’intera canzone, cantata magistralmente da questo nostro grande attore e cantante e conterraneo. Quindi, ripercorrendo a ritroso nel tempo le tradizioni nostre, della vera musica popolare napoletana, potrete fare anche una seria riflessione: Nulla è cambiato..anzi..semmai è peggiorato. Trapenarella non morirà mai! *********-DI SEGUITO IL TESTO TRADOTTO TRAPENARELLA --******************** Trapanarella cu 'o trapanaturo e tràpana 'a mamma e 'a figlia pure. E trapanianno, 'mmiez'a sti guaje, canto 'a canzona d' 'a cuccuvaja. Trapanarella con l'aspo (trad. e trapana la mamma e anche la figlia. E trapanando, in mezzo a questi guai, canto la canzone della civetta.) Na signurina cammina p' 'a strata, nu giuvinotto lle fa na guardata e chella, che sùbbeto è femmena onesta, aret' 'o purtone, s'aìza 'a vesta. San Gennà', pènzace tu, ca tanto d' 'e ccorne 'un se campa cchiù. (trad. Una signorina cammina per strada, un giovanotto le lancia uno sguardo e quella, che subito è donna onesta, dietro al portone, si alza la veste. San Gennaro, pensaci tu, perchè grazie alle corna non si vive più.) Nu prèvete, 'ncopp'a ll'altare maggiore, mme pare nu santo prerecatore, ma quanno va dint' 'a sacrestìa, vò' mille lire p' 'Avemmaria. San Gennà', tu vide a chiste? 'Mbrogliano pure a Giesù Cristo. (trad. Un prete, sull'altare maggiore, mi sembra un santo predicatore, ma quando va in sacrestia, vuole mille lire per Ave Maria. San Gennaro, li vedi questi? Ingannano anche Gesù Cristo.) E nuce, nucelle e castagne 'nfurnate,quanta paìse aggiu curriate, 'a Torre d' 'o Grieco e 'Annunziata, e quanta guaje ch'aggio truvato, e quanta defiette ch'aggiu 'ncantate. (trad. E noci, nocciole e castagne al forno, quanti paesi ho disturbato,da Torre del Greco ad Annunziata, e quanti guai che ho trovato, e quanti difetti che ho cantato.) 'E culamappate só 'e Veneziane, 'e magnapulenta sóngo 'e Milano, 'e meglie cantante stanno a Giugliano, e 'e tirapistole stanno a Casale. (trad. Gli infagottati nei pantaloni sono i veneziani, i mangiapolenta sono di Milano, i migliori cantanti stanno a Giugliano, e i tirapistole stanno a Casale.) 'E ffacce toste sóngo italiane,'e cchiù mafiuse só' siciliane, 'e po' 'e sbruffune songo 'e rumane,'e ffemmene belle só' napulitane e 'e mmazze 'e scopa só' americane. (trad.Le facce toste sono italiane i più mafiosi sono i siciliani, i più sbruffoni sono i romani, le donne belle sono napoletane e i meno importanti sono gli americani. 'E 'mbrogliamestiere só' ll'ingegnere, 'e 'mbrogliamalate só' ll'avvucate, 'e priévete fanno 'e zucalanterne e 'e cchiù mariuole stann'ô guverno.San Gennà', dice ca sì, chi 'o ssape comme va a fernì. (trad. Quelli non specializzati sono gli ingegneri, gli imbrogli ammalati sono gli avvocati, i preti fanno i leccapiedi e i più ladri stanno al governo. San Gennaro, di' di sì, chi lo sa come va a finire.) Na signurina, a via dei Mille, s'ha misa 'a parrucca 'a copp'ê capille. Quanno va â casa se magna 'e ppurpette e chi tene famma guarda 'e rimpetto. (trad. Una signorina in via dei Mille, Si è messa la parrucca sui capelli. Quando va a casa mangia polpette e chi ha fame guarda di fronte.) Nu giuvinotto, cu 'e sòrde d' 'o pato, s'accatta 'o cazone 'mpusumato. Po' va dint' 'a machina, allero allero, e vò' menà sotto a chi va a père.( trad. Un giovanotto, con i soldi del padre, si compra dei pantaloni inamidati. Poi va in macchina, allegro allegro, e vuole investire chi va a piedi.) 'E ccunuscite a sti milorde,chille stanno 'nguajate 'e sorde.'E pate só' tanta scurnacchiate e campano 'ncopp' 'a famme 'e ll'ate. San Gennà', pènzace tu, ca tanto d' 'e 'mbruoglie 'un se campa cchiù. (trad. Li conoscete questi "milord" quelli che sono pieni di soldi. I padri sono tanti cornuti e vivono sulla fame degli altri. San Gennaro, pensaci tu, perchè grazie agli imbrogli non si vive più.) Mme ne vaco pe' sott' 'o muro e sento 'addore d' 'e maccarune. Mme ne vaco pe' Qualiano e sento 'addore d' 'e ppatane. (trad. Passeggio sotto il muro e sento l'odore dei maccheroni. Passeggio per Quagliano e sento l'odore delle patate.) Mme ne vaco p' 'o Granatiéllo e sento 'addore d' 'e friariélle. Ma si vaco add' 'o putecaro tutte cosa va cchiù caro. Ma vedite quando maje 'sta miseria va aumentanno. ( trad.Passeggio per il Granatiello e sento l'odore dei friarielli. Ma se vado dal negoziante costa tutto più caro. Ma guardate quanto questa miseria sta aumentando. ) E aumenta ogge, aumenta dimane e doppodimane, sabato sí e dummeneca no. (trad. E aumenta oggi, aumenta domani e dopodomani, sabato sì e domenica no.) Chi fatica se more 'e famme na vota ca sì e na vota ca no. (trad. Chi lavora muore di fame una volta sì e una volta no. Scritta da (L. Cioffi, G. Cioffi - 1957)-----************** 1 Naspo o aspo, strumento che ruotando avvolge i fili per le matasse. La ragione di questo nome e' dettata dalla somiglianza del movimento a trapano dello strumento mentre si eseguono le operazioni di filatura. 2 Calzoni infagottati, usati dai veneziani in sostituzione dei pantaloni e di origine celtica. 3 Tutti coloro che fanno più arti o mestieri senza specializzazione (il termine ingegnere preso da solo è molto generico e presta il fianco a questa definizione scherzosa). 4 Comune in provincia di Napoli. 5 Porto di Portici. 6 I friarielli sono molto simili alle cime di rape, sono broccoletti con infiorescenze appena sviluppate. Si soffriggono in aglio, olio e peperoncino, e rappresentano uno dei piatti più caratteristici della cucina napoletana.


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito