Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

New Dreams : Mo’ vene Natale e nonostante la crisi ò capitone nun po’ mancà!

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 2718 volte
alt Pubblicato anche su Nero su Bianco quindicinale di cultura varia di Aversa e agro il 23 dicembre 2012 scritto da Donato Liotto - “Mo’ vene Natale, sto senza renare, (soldi) me fumm (fumo) na’ pippa e, me vache a cuccà!” Permetteteci di fare una riflessione sul proverbio testè citato : Ci si domanda e, ci si chiede: ma, se uno non fuma allora gli resta solo e pazzià a tumbulella oppure se va a cuccà direttamente, oppure accende la tv e si vede il solito film natalizio che proprio nun po’ mancà! Film questi, che ci propinano in questo periodo a camionate, film, cartoni animati, dove i buoni sentimenti, e la bontà la fa da padrone..è Natale e simme tutti più buoni. Babbi Natali a tutto spiano e, di tutte le razze, ci vengono propinati in ogni salsa. Dove tante famiglie, sempre nei film, chi sà pecchè..pare che te’ vogliono piglià c’ò culo, stanne sempe allegre e felici, stanne per un’anno intero e, (sempre nei film questo) aspettane stù mumente? Ci chiediamo di nuovo: Ma addò chiste, l’Equi Italia, nun passe maje? Le rate dei mutui non le pagano, le bollette del gas e della corrente, e poi, le rate universitarie dei figli, pure chelle s’annà pagà. In questi films, invece, stanne tutte senza penziere, nei films, già, vogliamo scrivere così “Films” c’è vulimme “americanizzare” pure noi. La realtà, ahimè, è ben altra cosa. Ma veniamo al nocciolo della questione: Natale viene una volta all’anno, tutti lo sanno, mica avimme scuperte l’acqua calda? Le famiglie, quelle della realtà, ogni giorno, fanno i “conticini” con i centesimi, loro, a prescindere, si pongono rispetto a questo periodo, sempre con uno spirito propositivo ed esclamano con marcato ottimismo ( ma nun c’è crerene manco loro) – “ Vabbuò, facimme Natale..po’ dopo, (dopo l’ Epifania) Dio vede e, provvede” - Avere fede e, sperare in Dio, è una cosa buona e giusta, essere ottimisti pure, quando poi sai che, il “fine mese” ti aspetta al varco con il fucile spianato e, manche si fosse il tuo peggior nemico, questo ti crea ansia, sudi come un cavallo e, speri..speri e dici “ tiramme a campà!” Dio ti conforta e questo è sicuro..ma, le bollette mica te le viene a pagare “Isse” (Dio) con ossequioso rispetto lo diciamo? Ci devi pensare tu! Intanto, i “poveri tapini” devono e per forza, entrare nello spirito natalizio, bisogna organizzare il cenone di Natale, un “minimo” bisogna pur farlo e che cazz..nonostante l’austerity, la tradizione va rispettata e n’coppe a tavola nun addà mancà niente,( si fa per dire..) si comincia con la lista della spesa – “N’zalatelle e rinforze con peperoncini piccanti, capricione scaurate ( cavoli scaldati) conditi con limone o, aceto e olive, poi il baccalà nun po’ mancà, lo facciamo fritto, oppure bollito con il limone, le vongole per il primo piatto,ciacalamme quatte spavettiele, ( mettiamo in pentola quattro spaghetti) e po’, il “re dei re,” sua eccelenza “O’ capitone”.- “ Vuje che dite, vuje che penzate, volete aggiungere qualcosa?”- Si sa, la domanda la si pone, ma nessuno oserà rispondere! Si fanno i conti e, ci si rende conto che i soldi so pochi. Si inizia a “tagliare” e a dire – “forse e meglio evitare di comprare le vongole veraci fresche”- ( le sostituisci con telline e vongole precotte rigorosamente surgelate), poi, guardi intorno a te, e cerchi conferme, decidi, - “che dite, ò baccalà se mette n’coppe o stommaco. Pigliamme nu’ bellu merluzze o facimme scaurate cò limone”. - Si ma mò, tutti noi, ci stiamo domandando a questo punto, unico superstite.. resta solo il capitone? Ecco la risposta –“ Uagljù, (ragazzi) papà, sta in cassa integrazione, che dite, cu’ chelle che costa il capitone, invece e rint’a’panza..c’è fernnesce rint’o’mazze.(finisce nel deretano) Poi, per un’anno intero, chilà viste maje, ma chi o sape?”- A questo punto, o’ capitone..sè salvate! Facimme na’ bella frittura e frattaglie, stanno dentro tutti i tipi di pesce e, c’è cunzulamme” (consoliamo) - Questo è quello che crediamo, immaginiamo si svolga, in ogni famiglia, dove davvero è difficile arrivare a fine mese e si sopravvive sul serio. Solo uno è overo felice..”O’Capitone,” dato ed è certo che, sulle tavole di questa gente, non ci finirà mai. Pertanto, pure o capitone fa ò “spacchiuse” ( si fruscia, si atteggia) è fa finta di essere anch’egli solidale. In realtà, il capitone, nun ze ne fotte proprio! Tanta gente sapete, fa proprio così!


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito