Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CLIMA: OXFAM, EVENTI ESTREMI AUMENTANO FAME E POVERTA'. E' ALLARME

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 2816 volte
alt Fonte C.S (ASCA) - Gli eventi climatici estremi mettono a rischio la sicurezza alimentare in molti paesi del mondo, riducendo milioni di persone in condizioni di fame e poverta'. L'impatto dei cambiamenti climatici nel biennio 2010-2011 e' illustrato nello studio Eventi climatici estremi. Una minaccia per la sicurezza alimentare, diffuso oggi da Oxfam in occasione dell'apertura della conferenza Onu sul clima di Durban. Secondo la ricerca, gli eventi climatici estremi sempre piu' frequenti avranno un pericoloso impatto sui raccolti e sui prezzi alimentari, riducendo le scorte, destabilizzando i mercati e provocando improvvise impennate dei prezzi. ''Dal Corno d'Africa al Sudest asiatico, dalla Russia all'Afghanistan, un anno di inondazioni, siccita' e caldo estremo ha contribuito a diffondere fame e poverta' - dichiara Kelly Dent, portavoce di Oxfam - Lo scenario puo' soltanto peggiorare perche' i cambiamenti climatici si intensificano e gli agricoltori devono fare i conti con le alte temperature. I governi riuniti a Durban devono agire ora per salvaguardare le scorte di cibo ed evitare che milioni di persone finiscano per soffrire fame e poverta'''. Nell'ultimo anno gli eventi climatici estremi hanno scosso i mercati globali, contribuendo a incrementare i prezzi del grano e di altri prodotti agricoli alla base dell'alimentazione. Quest'anno, si legge nell'indagine ''potrebbe essere un triste presagio di quanto ci aspetta in futuro. Gli avvertimenti del Gruppo Intergovernativo di Esperti sul Cambiamento Climatico (IPCC) non lasciano dubbi: con ogni probabilita' gli eventi climatici estremi aumenteranno in frequenza e gravita' se non si agisce subito''. Alcuni esempi sono gia' sotto i nostri occhi. La grave siccita' nel Corno d'Africa ha colpito 13 milioni di persone. La siccita' e gli incendi seguiti alla grande ondata di calore in Russia e Ucraina hanno distrutto buona parte del raccolto del 2010 e provocato un aumento tra il 60 e l'80% dei prezzi globali del grano in soli tre mesi. Le intense piogge monsoniche e i numerosi tifoni nel Sudest asiatico hanno ucciso piu' di 1.100 persone e contribuito a far aumentare i prezzi del riso del 25% in Thailandia e del 30% in Vietnam rispetto all'anno precedente. In Afghanistan la siccita' ha contribuito a incrementare i prezzi del grano e della farina di grano. Nelle aree colpite, lo scorso luglio i prezzi erano cresciuti del 79% rispetto all'anno precedente.


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito