Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La bella favola di tre giovani talenti “i Malincomici”

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 12136 volte
alt Scritto da Donato Liotto, pubblicato anche sul quindicinale di cultura varia Nero su Bianco Aversa e agro Aversano - Dalla grande “officina” del teatro Tam di Napoli, negli ultimi anni da considerarsi con merito indiscusso “ fucina ” e laboratorio per tanti comici “ Campani ” attraverso lo spettacolo di varietà “ Made in Sud” trasmesso da Sky canale Comedy Central e da MTV in onda ormai da quattro edizioni,su questo palco, tanti comici, giovani talenti del “cabaret” nostrano che si sono posti grazie anche a questa “importante vetrina” e all’attenzione nazionale.Tra questi, i talentuosi e giovanissimi “Malincomici” un Trio di giovanissimi ragazzi dai 12 ai 18 anni, i più giovani comici d’Italia.Tanti sacrifici fatti da loro e dai loro genitori per farli giungere a tanti e importanti traguardi. La loro “palestra” proprio sul palco del teatro Tam di Napoli.Il “Trio” formatosi di recente e, nato quasi per gioco, in questo periodo, li possiamo vedere a “Colorado” trasmesso da Italia 1.Oreste e Mirco Ciccariello (sono fratelli) Genny Scarpato. Chi vi scrive, li ha visti nascere e, non solo artisticamente, ma nel vero senso del termine, sono venuti ad Aversa alla seconda , alla terza e quinta edizione, di “Mano Tesa” con la compagnia teatrale della Wirphool di Napoli, poi, quest’anno, la settima edizione di “Una Mano Tesa” esibendosi al ITC Gallo di Aversa. Abbiamo fatto una domanda ai tre protagonisi - Le tue sensazioni, cosa rappresenta per te far parte di questo trio,e la cosa che ti ha fatto decidere di fare l’attore, in sintesi vorremmo chiederti questo – Risponde Mirko Ciccariello- “Non è facile spiegare ciò che si prova quando salgo sul palco con gli altri due. Sono emozioni indecifrabili che si comprendono solo se vissute in prima persona. Posso solo dire che far parte dei MalinComici è la cosa più bella che io abbia mai fatto. E devo dire tutto grazie alla conta “ambaraba cici coco”. Si perché tutto è iniziato decidendo a casa, verso l’una, tra fare calcio come tutti i ragazzi oppure fare teatro. Il caso “volle”, come la pentola in quel momento, che io facessi teatro.Ringrazio gli amici del calibro di “Gigi e Ross”che mi stanno sempre a fianco con i loro consigli”- State vivendo un periodo che si potrebbe equiparare a “una favola” l’approdo a Colorado cosa ha rappresentato per voi?alt altRisponde Oreste Ciccariello –“I MalinComici sono un bel gioco,una bella favola, con una differenza. Mentre ogni favola inizia al passato con il classico “c’era una volta”, questa nostra favola non solo c’era una volta, ma c’è ora e ci sarà anche domani, almeno si spera. Noi tre non facciamo altro che viverla e tenendo i piedi ben saldi a terra , la nostra favola iniziata quattro anni fa quando era davvero solo un gioco, per poi diventare una realtà grazie al TAM di Napoli. Poi è arrivata una lettera firmata “Colorado Film” e la nostra favola ha preso la forma di un sogno che diventa realtà”-Voi siete ancora giovanissimi, e sicuramente sapete che nel mondo dello spettacolo potrebbe non bastare essere approdati a Colorado, vi spaventa l’idea di diventare solo delle meteore?- Risponde Gennaro Scarpato –“Il nostro trio nato quasi per gioco, “giocando giocando” ha raggiunto traguardi importanti almeno per noi, abbiamo preso parte alle ultime due edizioni di “Made in Sud” e facciamo parte del cast di Colorado.Era un gioco è stato molto bello e, chiaramente speriamo lo diventi sempre più, Ci rendiamo conto e siamo consapevoli che di strada bisogna ancora farne tanta, questo non ci spaventa, sappiamo anche che, più si va avanti è più il gioco si fa serio.” – dalle risposte , si, possiamo dire davvero : Una bella favola quella dei Malincomici.

 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito