Associazione New Dreams

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Un grande evento prossimamente sulle vostre tavole titolo: “ Panza mia fatte capanna!”

E-mail Stampa PDF
Questo articolo è stato letto: 3581 volte
alt Tanti protagonisti tra cui, cozze, vongole e lupini, pescio spada, spigola, taratufi , gamberi e calamari, purp e purpetielle, e tanti altri ancora. Da Non perdere! Data evento.. “ nun ze sape? Decidete voi!” Certe..putite penzà che c’cà se parla sule e sempe e magnà? Azz..avite penzate juste! Chiurite l’uocchje, verite che a panza s’è regne..e si chiste è sule nu penziere e si pure è fantasia, nuje ve vulimme aiutà e v’ve dicimme: Passijanne,(camminando) uno se stanche, ovviamente sadd’arrupusà. (riposare) E cosce so mollicce e non ci reggiamo in piedi..nun state b’bbuone? Nun v’vè preoccupate..cheste è famme uagljù! Schjammele (stendiamole) sotte a nu tavule, e facimmece appriparà nù pranzette che tene mille sapure, mille culure. Ricorderete senz’altro la scena “celeberrima” con Totò sul tavolo in piedi a ballare in “Miseria e Nobiltà” oppure quella di Alberto Sordi in “Un Americano a Roma” in ‘conflitto’ con un piatto di spaghetti? Indimenticabile davvero. In entrambi i casi era il cibo il vero protagonista! Si parla sempre di cose generiche, di politica, si parla di cultura, di eventi e di spettacoli, di problemi quotidiani a non finire..basta..non c’è la facciamo più! Accumminciamme stù spettacolo col dirvi per prima cosa e, fateci caso, ogni cosa diventa più bella solo se la si conclude “cù na’ bella magnata! (pranzo) ” Certo, bisogna fare attenzione al colesterolo, al fegato, fare attenzione a non abusare e a esagerare, mangiare con ‘dovizia’ scegliere i piatti giusti, soprattutto i posti giusti. “ La festa del palato” l’ammucchiata delle panze chiene..ma che c’è ne fotte! Almeno per una volta avimma esaggerà. Una volta sola però, almeno dopo sei mesi ripetere l’evento, e se state con amici e la “compagnia” è quella giusta state certi, che nessuno vi fermerà! Il nostro ‘evento’ culinario, il ‘nostro spettacolo’ di fantasia , la festa dei sapori , lo facciamo iniziare così: N’antipaste e mare, purpe e purpetielle, calamari e vongole n’quantità, salmone marinate e ‘maritate’ , m’pepate e cozze, oppure cozze cu n’a spruzzate e limone, na cascate e prezzemolo fatte a coriandole n’coppe è frutti e mare, a vocche s’addàrrecrea, (consolare) chiste sono i “nostri effetti speciali” mò arrapite ò siparie..a panza ovviamente!Appena le assaggiate, inizia lo spettacolo, protagonista “il palato” mò, putimme ospità sul ‘palcoscenico’ “O’ Primm’ attore” azz commè brave. Jsse è nu’ bellu primme piatte , ma, tenimmece sempe ferme n’coppe ò pescio nun o’ lassate! (nun facite e maliziuse e capite mazze pe fischie..nuje parlamme e pescio frische chille d’o’ mare!) O sapore e mare spusammele cù nu scialatielle, quatte pachini, basilico a volontà nu file è uoglje,(olio) vongole, gamberi e taratufi e duje lupini e ve pare overe che state ‘n’Paravise’ “mmm..”vi viene naturale da esclamare, il palato è “deliziato” pare che overe ‘ stamme facenne ammore,’ c’è guardamme pure rint’è all’uocchje con la commensale che ci sta di fronte.- ‘cara signora, non vi pigliate collera ma, si pure site b’bona, a confronte e sti scialatielle, nun cè sta paragone!’- Ma, continuamme cù stù spettacolo: Che sapore, mò piglje na felle (fetta) e pane, essa fa a parte da cumparsa, ma va detto che è pur sempre granda protagonista, la voglio tuffare rint’è o piatte, si deve ‘n’zurugnare’ nel sughetto a sotte e a coppe, (sopra e sotto) e pure si me n’zeve ( mi ungo) a cammisa nun fa niente. E di nuovo, riprendiamo la rappresentazione : – “ mmmm... nata vota mò? Signò non c’è l’hò con voi, vuje ve frusciate, a nuje cè piace o pescio, e si capite malamente e ciorta vosta!”- Mamma che bontà, e siamo a metà spettacolo..azz!”- Chist’uocchije sé vulessene arrapì..ma nun cè conviene..mò arrive natu (altro) “grand’attore” o siconde piatte.. o “co-protagoniste”. Jamme mè..dicite a verità, state facendo l’acquolina in bocca? Pure si stamme Averza, ò mare pare che è luntane..aroppe (dopo) chelle che avimme assaporate..pare che stà proprio c’cà, proprio annanze a vuje! Mò entra in scena la “signora” (ogni riferimento è puramente casuale..e dalle pà signora?) parliamo della spigola , del pescio spada, della pescatrice, e tanti altri ancora che, nun stamme annummenà, ne so troppi, importante che partecipano tutti quanti. Sti pisciè, commè vulite all’acqua pazza? Qualcuno li vuole alla griglia o al fono n’zieme (assieme) e patane? Vabbuò, è presto accontentato…chiste pisci so’ grand’atture, che spettacolo che interpretazione! Aspettate, mò viene il finale: Le comparse ancora non sono entrate in scena eccole quà: na’ fritture e gambere e calamari, na paranze addò tutte e pisciè do’ mare se venene a n’cuntrà, e altcozze fanne na’ granda festa, rint’è o tegamine stanne strette, s’appiccechene che vongole e lupini, pure l’lore vonne a ribaltà..vonne visibilità (parene pariente de politici) State calme, n’coppe a stù palcoscenico (la tavola da pranzo) c’è sta spazio pè tutti quanti! Jamme mè, muovetevi, scegliete, dicete che vulite? Nuje ve cunsigliamme: rignete chesta scena cu’ na n’zalatella mista, e ve site apparate a panza! O spettacolo è fernnute, a panza era vacante, mò finalmente sé rignjute.(sazi) Chiudiamo il sipario! E mò, chi ci da la forza di applaudire? Stamme talmente chine ( pieni) che quasi..quasi..sparecchiamme o ‘ palcuscenico’ vale a dire, la tavola da pranzo, e sopra, ci stendiamo per farci na’ bella dormita. Putesseme fa entrà in scena ancora tanti grandi attori, loro nun stanne a mare, abitano in montagna, in campagna nei boschi, ve li diciamo e vale per la prossima puntata : Paste a fasule, uova n’carrozza, pane a bruschette, pommarulelle fresche, nu’ piatte e maccarune, ragù, scarparielle, pollo allo spiedo, oppure sasicce e friarielle, melanzane a funghetto, carcioffole arrustute, carne e tutte è tipi, bistecche, carne e maiale, puparuole n’buttunate.Son citati tutti d’un fiato ma va dato onore pure a loro. Questo è lo ‘scioglilingua’ di chi sogna na bella magnate! Ma meglio fermarci qua, il dottore al mio fianco mi dice che il - ‘colesterolo si sta alzando’- “ azzò, stamme sule parlanne, stamme sule sunnanne e meno male. A vocche s’arrecrea, sé regna e sapore annumenanne tant’à specialità , piatti semplici, piatti alla portata di tutti. Facite e distratte, almeno ogni sei mesi..che c’è ne fotte..ma quant’anne ammà campà! E mò, pubblico applaudite sta entrando l’Oscar premio ambito, se lo sono meritato! A capo chino mò, jatevenne a casa. Chiagnite (piangete) chist’ere nu’ suonne, la realtà sapite qual è: A casa ci aspetta un brodino vegetale, na mela annurca e un bicchiere d’acqua. Che vulite fa? Questa ahimè, è la triste realtà!


 




ALTRE NOTIZIE NEW DREAMS


Realizzato da: Net Enjoy IT Service - 2010 - Mappa del sito